I nostri testi di riferimento

Vedi tutti i nostri testi di riferimento

 

MICROPALI PRECARICATI A BASSA INVASIVITA’ PER IL CONSOLIDAMENTO DI UN’ABITAZIONE

 

L’intervento in oggetto riguarda il recupero di un edificio sito nella pianura padana e precisamente nel comune di Cavarzere in provincia di Venezia. Si tratta di una abitazione costruita nel 1957 dall’Ente per la Bonifica e la colonizzazione del Delta Padano, che realizzò in quegli anni numerose opere tra cui anche case con annessa stalla. L’edificio in oggetto fu fondato su pali in castagno che col tempo hanno subito un degrado ed hanno perso il loro contributo attivo nel sostegno della sovrastruttura che ha manifestato cedimenti differenziali e lesioni a 45°, in particolare sui due spigoli opposti.

 

L’indagine geologica ha evidenziato la presenza fino a circa 5 metri dal piano campagna di terreni estremamente compressibili di natura prevalentemente organica, tipici di queste valli bonificate nel secolo scorso.

pali piastre crepe nel muro linfissione dei micropali precaricatil

 

Interpretazione stratigrafica e modello geotecnico

STRATO 1

 

0,0 – 0,6 m da p.c. Argille limose

 

cu: 0,5 Kg/cmq (coesione non drenata)

 

Eed: 65,5 Kg/cmq (modulo edometrico)

 

g: 1,9 t/mc (peso unità di volume)

 

gsat: 2,0 t/mc (peso unità di volume saturo)

 

STRATO 2

 

0,6 – 4,2 m da p.c. Torbe e argille organiche

 

cu: 0,1 Kg/cmq (coesione non drenata)

 

Eed: 17,6 Kg/cmq (modulo edometrico)

 

g: 1,6 t/mc (peso unità di volume)

 

gsat: 1,7 t/mc (peso unità di volume saturo)

 

STRATO 3

 

4,2 – 4,6 m da p.c. Sabbie limose

 

f': 37° (angolo di resistenza al taglio)

 

Eed: 83,4 Kg/cmq (modulo edometrico)

 

g: 1,8 t/mc (peso unità di volume)

 

gsat: 2,0 t/mc (peso unità di volume saturo)

 

STRATO 4

 

4,6 – 5,2 m da p.c. Alternanze di sabbie limose con argille sabbiose

 

f': 33° (angolo di resistenza al taglio)

 

cu: 1,1 Kg/cmq (coesione non drenata)

 

Eed: 62,7 Kg/cmq (modulo edometrico)

 

g: 1,9 t/mc (peso unità di volume)

 

gsat: 2,1 t/m3 peso unità di volume saturo

 

STRATO 5

 

5,2 – 9,6 m da p.c. Sabbie e sabbie limose con livelli ghiaiosi decimetrici

 

f': 36° (angolo di resistenza al taglio)

 

Eed: 95,2 Kg/cmq (modulo edometrico)

 

g: 1,9 t/mc (peso unità di volume)

 

gsat: 2,1 t/mc (peso unità di volume saturo)

 

 

LA SOLUZIONE

 

Si è deciso di realizzare il consolidamento delle fondazioni mediante l’impiego di micropali pressoinfissi a contrasto con la struttura esistente; il sistema SYSTAB prevede l’impiego di pali modulari in acciaio S355J2, di lunghezza di circa 1 m e collegati tra loro per avvitamento. L’installazione dei micropali avviene con l’ausilio di martinetti idraulici solidarizzati alla fondazione dell’edificio mediante apposite piastre in acciaio, che si ancorano saldamente alla fondazione mediante elementi di fissaggio meccanici e/o chimici. La fondazione dell’edificio e la sovrastruttura realizzano, di fatto, l'elemento strutturale di contrasto che consente l’infissione in profondità della batteria di elementi fino al raggiungimento dell’orizzonte solido.

 

Terminata l’infissione del palo, il collegamento palo-fondazione avviene sfruttando le medesime piastre usate per l’infissione e l’accoppiamento finale piastra-palo avviene con bulloni ad alta resistenza.

 

Prima dell’accoppiamento piastra-palo è possibile procedere, con l’ausilio degli stessi martinetti impiegati per l’infissione, alle seguenti operazioni:

 

§  applicazione di carichi superiori a quelli d’esercizio e conseguente inibizione del cedimento elastoplastico post-collegamento;

 

§  prova di carico per il collaudo dell’opera (eseguibile su ogni palo).

 

Nel caso specifico sono stati installati 23 micropali di diametro 114 millimetri, spessore 8 millimetri, di lunghezza 10-11 metri.

fase di infissione palo attivo lstaff systab micropali precaricatil

 

VANTAGGI DELLA SOLUZIONE PROPOSTA

 

L’intervento ha concesso di stabilizzare la struttura con:

 

  • impatto del cantiere ridotto (cantiere asciutto e senza produzione di materiale di risulta)
  • tempi di realizzazione rapidi (circa 4 giorni)
  • collaudo della portata di ogni singolo palo
  • infissione senza vibrazioni
  • precarico per l’annullamento dei cedimenti elastoplastici
  • riattivazione di tutta la fondazione con parziale recupero dei cedimenti e immediato beneficio per il fabbricato ammalorato.

 SYSTAB SRL

 

Aggiungi commento


Sede legale

Scriveteci tramite questo modulo.

oppure all'indirizzo email

asso.meccaniciterrestri@gmail.com

Sede legale

Via della Fontana n. 34
Mentana (RM) - 00013

Social